Itinerario della montagna

PIANCASTAGNAIO (km 17)
La fondazione del borgo di Piancastagnaio avvenne in epoca altomedievale. Sin dal principio esso si trovò sottoposto alla giurisdizione degli Aldobrandeschi, che vi costruirono una imponente fortezza ancora oggi visibile. Tra i monumenti di maggiore rilievo aPiancastagnaio citiamo qui la Chiesa di San Bartolomeo, il Santuario della Madonna di San Pietro, la Chiesa di Santa Maria Assunta, il Palazzo Pretorio e la Rocca Aldobrandesca.Tra le numerose manifestazioni che si svolgono periodicamente a Piancastagnaio segnaliamo la tradizionale “Sagra della Crastata” (Sagra della Castagna) che tiene annualmente il primo del mese di novembre.

 

ABBADIA SAN SALVATORE (KM 20)
La storia ha riservato a questa località fasi di prestigio temporale in cui il Monastero, prima benedettino poi cistercense, ha esercitato un potere di rilievo in ampi territori posti sul versante orientale e su quello occidentale dell’Amiata.Da ricordare come dall’abbazia stessa provenga il celebre Codex Amiatinus, risalente al VII secolo, attualmente conservato presso la Biblioteca Laurenziana di Firenze.
Un altro documento di notevole valore è la Postilla Amiatina, risalente all’anno 1087 e considerata uno dei primi documenti in Italia del volgare.

 

SANTA FIORA  (29 km)

Santa Fiora | Itinerario della Montagna

Nel territorio di Santa Fiora vi sono tracce di Neolitico, Eneolitico, Età del Bronzo (etruschi e poi romani).
Vi sono anche prove attestanti lo sfruttamento in antichità delle proprietà coloranti del cinabro, ovvero della pietra dal quale si ricava il mercurio e all’estrazione della quale è legata tutta la storia del ‘900 amiantino. Di  notevole importanza il festival internazionale di musica che si tiene nel mese di luglio.